Main

l'innovazione sociale va in campagna

L’innovazione sociale va in campagna

Prende il via il censimento nazionale dell’agricoltura sociale per monitorare e aggiornare i dati di partecipazione di uno dei rami più prolifici del terzo settore degli ultimi due anni, e sempre più spesso veri esempi di innovazione sociale.

Con l’entrata in vigore della legge 141 l’agricoltura sociale ha finalmente trovato una sua funzione giuridica riconosciuta. Le fattorie sociali sono sempre più un esempio di innovazione sociale non solo per il recupero del territorio e lo sviluppo di pratiche sociali avanzate, ma anche sotto il profilo della strategia di comunicazione, con una comunicazione sociale per il no profit che ha il pregio di poter raccontare, dal vivo, le pratiche sociali di inclusione e di, appunto, recupero dei valori.

La legge entrata in vigore lo scorso settembre ha definitivamente tolto dal cono d’ombra queste realtà di impresa, ponendo alcune importanti novità sul piano legislativo; innanzitutto con la definizione di agricoltura sociale nella quale rientrano le attività di integrazione e inserimento lavorativo di persone con disabilità (come nel caso delle cooperative sociali di tipo b) e di persone svantaggiate; prestazioni di servizi terapeutici con progetti sociali che possono includere l’utilizzo della pet teraphy, e l’educazione ambientale e alimentare, attività, questa, svolta soprattutto con progetti sociali per bambini e con percorsi di formazione. Altre importanti novità riguardano i Piani di Sviluppo Rurale delle singole Regione le quali possono promuovere specifici programmi per le imprese dell’agricoltura sociale, così come la possibilità, da parte degli Enti Pubblici di inserire criteri di priorità nelle procedure di alimentazione (come nel caso delle mense scolastiche), di locazione dei terreni pubblici a favore delle fattorie sociali.

Inoltre la 141 prevede ancora l’istituzione di un’Osservatorio (nominato con decreto Mipaaf) per monitorare e definire le linee guida dell’agricoltura sociale in Italia. E proprio su quest’ottica si pone adesso il censimento nazionale, promosso da Generali Italia, Confindustria, Confartigianato, Confcommercio e Presidenza del Consiglio con il quale si intendere fornire un quadro ben più esteso e esaustivo sul comparto dell’agricoltura sociale. Il rilevamento sarà effettuato da una società di ricerche di mercato, la Innovation Team, attraverso l’utilizzo di un questionario on line (qui trovate il link) destinato a chiunque svolga attività di agricoltura sociale.

Per promuovere l’iniziativa e per rendere il censimento il più esaustivo possibile è stato anche previsto un premio (di 5.000,00 euro) per l’impresa che si distinguerà per la spiccata propensione all’innovazione sociale. Compito non facile questo, in quanto le imprese di agricoltura sociale si segnalano soprattutto per il loro altissimo grado di innovazione, con strumenti affinatinell’ultimo decennio nel quale hanno dovuto proprio sopperire alle carenze strutturali (legislative e organizzative) del settore. Indubbiamente l’agricoltura sociale oggi in Italia si segnala per un altissimo grado di innovazione proprio nella sua rete sociale, nella capacità cioè di “fare sistema” attivando diverse soggetti e lavorando in sinergia. Un modus operandi che è ancora di là da venire per la maggior parte delle associazioni del terzo settore.

Non è un caso, del resto, che una tale propensione al lavoro in una rete sociale provenga proprio dall’agricoltura sociale, ovvero da quelle pratiche di condivisione che sono alla base stessa dell’imprenditoria agricola e che rappresentano innovazione sociale nell’ottimizzazione delle risorse. Su questo piano si afferma l’esempio di Rete Fattorie Sociali, una rete di fattorie sociali nata nel 2005 e che offre il panorama più esteso della collaborazione nazionale attraverso l’attività di monitoraggio e offrendo formazione per chiunque si avvicini alla agricoltura sociale offrendo informazioni sulle buone prassi e sui progetti sociali presenti nei diversi territori, con una particolare attenzione alle strategie di comunicazione, come si evince dalla nuova app messa a punto proprio per scoprire e conoscere le fattorie sociali presenti sul proprio territorio, o dallo slogan dell’ultima campagna di comunicazione; questa non è la solita campagna.

, , , , , , , ,

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

Impresa Tre offre una newsletter gratuita su:

  • Strategia e comunicazione per le Imprese Sociali
  • Marketing e Visibilità per il terzo settore
  • Consulenza fiscale, organizzativa e legale