Main

image

Campagna di comunicazione: “Le parole per smettere”

Ai modenesi che riusciranno a dire basta alle sigarette dal 2 al 24 maggio in regalo viaggi, tablet, soggiorni e abbonamenti.

Buone parole per passare dalle buone intenzioni alle buone pratiche: è questa l’idea del concorso promosso dalla Gazzetta in collaborazione con l’Ausl di Modena, legato a “Scommetti che smetti?” , l’iniziativa che da undici anni aiuta i modenesi a smettere di fumare mettendo in palio – grazie agli sponsor – premi di ogni genere, dai tablet ai viaggi.

Il concorso della Gazzetta si chiama “Le parole per smettere” e si svolge on-line sul sito internet del giornale: i nostri lettori possono creare uno slogan diretto al mondo dei fumatori per convincerli a dire basta alle sigarette, per spingerli a percorrere la strada che porta fuori dal tunnel della dipendenza dalla nicotina. Un concorso per premiare la creatività messa al servizio di una buona causa: la salute.

Le regole sono semplici: su www.gazzettadimodena.it un semplice link porta alla pagina del concorso, dove il lettore può scrivere il proprio slogan, compilando un format e lasciando nome, cognome, indirizzi di posta elettronica e recapito telefonico. Non ci sono limiti o obblighi per l’ideazione dello slogan, mentre fondamentale nella valutazione da parte della giuria, sarà l’efficacia del messaggio.

Gli slogan arrivati in redazione saranno, giorno per giorno pubblicati su una pagina internet della Gazzetta on line e fra questi una giuria sceglierà il vincitore, al quale andrà in premio una cena per due al ristorante “La lantera di Diogene” (via Argine, Solara di Bomporto), grazie al Consorzio Modena a Tavola. Il concorso si concluderà martedì 2 giugno e la premiazione si terrà il 6 giugno, in contemporanea con le premiazioni degli ormai ex fumatori che hanno partecipato a “Scommetti che smetti?”.

La giuria, che valuterà e selezionerà lo slogan ritenuto più efficace o più originale contro il fumo da sigaretta, è composta da Massimo Bigarelli (Centri antifumo dell’Ausl), Ermanno Casari (Consorzio Modena a Tavola), Giuseppe Fattori (Promozione della Salute, Ausl), Luigi Alberto Pini (responsabile delCentro antifumo del Policlinico), un rappresentante del ristorante “La lanterna di Diogene” e Giovanni Gualmini (Gazzetta di Modena).

Fonte: Gazzetta di Modena

, , ,

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

Impresa Tre offre una newsletter gratuita su:

  • Strategia e comunicazione per le Imprese Sociali
  • Marketing e Visibilità per il terzo settore
  • Consulenza fiscale, organizzativa e legale