Main

Il terzo settore che lavora per l’integrazione

Il terzo settore che lavora per l’integrazione

Il terzo settore lavora anche per l’”integrazione”, anzi è impegnato in questo campo con tantissimi progetti sociali ed iniziative. Il 3 luglio scade il Bando di gara Nazionale per favorire l’inserimento sociale e lavorativo degli immigrati nelle regioni meridionali. La cifra stanziata è di 3,5 milioni di euro e prevede il sostegno con la Fondazione Con il Sud.

Sono due gli indirizzi definiti per il piano strategico che rientra nell’ambito d’intervento dei “Progetti Sociali e Innovativi” e riguardano il contrasto alla tratta e allo sfruttamento lavorativo sessuale e la valorizzazione del lavoro, anche autonomo, nelle forme associative tipiche del terzo settore. Le idee di progetto sociale dovranno essere pronte entro il 3 luglio (presentate on-line alla Fondazione), termine con il quale si concluderà la prima parte, quello progettuale appunto, del bando di gara.

L’iniziativa è volta a creare nuove visioni di lavoro associativo che sappiano favorire l’integrazione, si tratta quindi di progetti che possano farsi “pilota” rappresentando un modello di intervento. L’innovazione sociale permette di “osare” in sede di progettazione un po’ più di quanto è normalmente permesso in bandi di gara analoghi, tuttavia si tratta sempre di fornire progetti realizzabili, seppur non immediatamente è richiesta una rendicontazione o un piano di lavoro dettagliato. Soltanto dopo la prima fase, le idee ritenute maggiormente in linea con lo spirito dell’iniziativa dovranno essere convertite in progetti.

Ciò che invece è espressamente richiesto da questo bando è il partenariato coinvolto con l’istituzione di una rete sociale che prevede al suo interno la partecipazione attiva di associazioni con maggioranza assoluta di immigrati. Dovranno essere almeno tre le collaborazioni di partnership per ogni proposta di progetto, indicando, già in fase di progettazione, un Soggetto Responsabile che coordinerà i rapporti e la rendicontazione con la Fondazione. Il Soggetto Responsabile può essere un’Associazione, una Cooperativa sociale (o un consorzio di cooperative) o un  impresa sociale, ma deve essere stato costituito prima del 2 gennaio 2012. Ogni partnership deve prevedere la partecipazione di almeno una Organizzazione di Immigrati.

Per ulteriori chiarimenti scrivere, solo ed esclusivamente, al seguente indirizzo email: iniziative@fondazioneconilsud.it

o contattare telefonicamente l’Ufficio Attività Istituzionali al numero 06/6879721 (interno 1) negli orari dedicati all’assistenza telefonica.

, , , , , ,

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

Impresa Tre offre una newsletter gratuita su:

  • Strategia e comunicazione per le Imprese Sociali
  • Marketing e Visibilità per il terzo settore
  • Consulenza fiscale, organizzativa e legale