Main

Progetti sociali per un’infanzia restituita

Progetti sociali per un’infanzia restituita

I progetti sociali per l’infanzia sono uno strumento indispensabile per migliorare le condizioni economiche e sociali nel nostro paese. Infatti, l’aumento della povertà registrata anche nel recentissimo rapporto Istat si ripercuote sullo stato sociale attuale in Italia sotto molteplici aspetti. La povertà colpisce ormai una famiglia su cinque, minacciando direttamente i principi della formazione e dell’educazione della famiglia.

La dispersione scolastica è uno degli elementi più urgenti sui quali i progetti sociali delle imprese del terzo settore sono chiamati per offrire, con urgenza, risposte adeguate. L’incidenza dell’abbandono da parte di giovani e giovanissimi sembra direttamente collegato al peggioramento delle condizioni economiche del paese, come dimostra la forte percentuale di abbandoni proprio nelle regioni del mezzogiorno (dove la percentuale è del 25%, ovvero riguarda un ragazzo su quattro), le più colpite dalla povertà.

A questa urgenza le associazioni no profit del meridione cercano di dare risposte adeguate, anche se da più parti denunciano una paralisi burocratica che tiene chiusi nelle casse dei Ministeri molti fondi già stanziati, e non utilizzati, per avviare nuovi progetti. Una paralisi procedurale che attualmente tiene bloccati circa 700 milioni di euro destinati al sostegno all’infanzia, perché si è ignorato il coinvolgimento del terzo settore proprio lì dove questo ha dimostrato, negli anni, di possedere tutti i requisiti per risolvere, caso per caso, i problemi dell’abbandono scolastico.

La Fondazione Con il Sud, ente no profit nato sette anni fa, è ad esempio uno di questi attori che, non a caso, proprio in questi giorni avvierà altri 19 progetti esemplari sostenuti attraverso l’aggiudicazione del Bando Educazione dei Giovani, per un importo complessivo di 4,5 milioni di euro. Le iniziative coinvolgeranno circa 200 organizzazioni tra associazioni di volontariato e cooperative sociali che parteciperanno nelle partnership di progetto (11 in Sicilia, 6 in Campania e 2 in Puglia).

Purtroppo, come sottolinea la Fondazione, il grande interesse rivolto dalle imprese del terzo settore non potrà essere totalmente esaudito proprio per l’impossibilità di utilizzare pienamente i fondi a disposizione. Altri 75 progetti sociali, infatti, pur valutati positivamente, non potranno essere messi in atto, per lo meno sino a quando non si adotteranno procedure meno complesse da parte del Ministero per il coinvolgimento attivo del terzo settore ai fondi stanziati.

Anche sul fronte degli asili nido la Fondazione Con il Sud, in collaborazione con la Fondazione “aiutare i bambini”, ha potuto dare via ad una serie di progetti sociali che intendono dare una concreta mano alle famiglie con difficoltà economiche. Si tratta di dieci nuovi progetti che hanno ottenuto complessivamente 384 mila euro di finanziamento nell’ambito della quarta annualità del Bando di Gara “Un Asilo nido per ogni bambino – Area del mezzogiorno”.

I progetti sociali, destinati alla creazione di 170 posti totali per l’anno scolastico 2014-2015, prevedono, oltre al potenziamento di progetti già esistenti (con finanziamenti di durata annuale tra i 18 mila ed i 29 mila euro), la creazione ex novo di progettibiennali per quattro nuovi nidi, due a Napoli (Cooperativa Sociale “Il Quadrifoglio” e impresa Sociale D.P.D.B., con finanziamenti rispettivamente di 53 mila e 69 mila euro), uno a Monreale ed un quarto a Spezzano Albanese.

, , , , , ,

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

Impresa Tre offre una newsletter gratuita su:

  • Strategia e comunicazione per le Imprese Sociali
  • Marketing e Visibilità per il terzo settore
  • Consulenza fiscale, organizzativa e legale