Main

Nuove tecnologie e no profit

no profit e tecnologia

Che riguardi un software per un piano di comunicazione o per un project management, la migliore nuova tecnologia per un’impresa no profit resta sempre la pianificazione. E in tal senso è opportuno programmare e avere un piano anche per l’aggiornamento dei propri strumenti tecnologici, che possono migliorare molto le performance di lavoro soprattutto nel medio periodo.

 

Per la propria impresa no profit l’utilizzo delle nuove tecnologie digitali permette un significativo miglioramento in molte attività di gestione. Dalla rendicontazione all’archiviazione, sono molti i software presenti sul mercato, dedicati appositamente al no profit. Ma esistono anche aspetti apparentemente più marginali che vanno ugualmente pianificati.

La dotazione hi-tech di una cooperativa sociale può essere molto bassa, come nel maggior numero dei casi, o anche estremamente complessa, tenendo conto di una grande serie di apparati e dispositivi, come per le Cooperative più grandi o per le ONG. Ma anche in un’associazione culturale molto piccola, a ben vedere, l’apparato delle nuove tecnologie resta comunque indispensabile, anche se spesso non ci si fa neppure più caso. Il primo esempio che viene in mente è quello legato alla comunicazione interna, quindi alla telefonia.

Il caso sembrerebbe addirittura marginale, ma è quello che è stato affrontato nelle ultime settimane in un paio di articoli comparsi sulle principali testate dedicate appositamente al no profit. Ebbene, come sempre, il lancio di un nuovo dispositivo (in questo caso è stato il lancio di tre prodotti della Apple, tra i quali l’ultimo i-phone) rappresenta sempre un riassestamento nelle dotazioni tecnologiche per moltissime aziende, che si trovano quindi a dover aggiornare la propria strumentazione per far “girare” le nuove applicazioni. Il senso ultimo su cui questi articoli si soffermano, è quello di richiamare l’attenzione su una corretta pianificazione per le nuove tecnologie.

Che riguardi un software per un piano di comunicazione o per un project management, la migliore nuova tecnologia per un’impresa no profit resta sempre la pianificazione. E in tal senso è opportuno programmare e avere un piano anche per l’aggiornamento dei propri strumenti tecnologici, che possono migliorare molto le performance di lavoro soprattutto nel medio periodo. È infatti opportuno tener conto del fatto che gli strumenti tecnologici richiedono un tempo di apprendistato e poi uno di “messa a regime”, e soltanto a quel punto, ovvero quando saranno totalmente gestibili da voi stessi, sapranno offrire quell’accelerazione al flusso o all’organizzazione dei dati. Resta un dato curioso, ma anche il semplice passaggio di dotazione da un modello di telefono cellulare ad uno più aggiornato necessita comunque di un tempo di appropriazione da parte di tutti i membri di una squadra.

Altro dato indispensabile per una corretta pianificazione tecnologica nella propria impresa sociale, oltre a quella temporale, resta quella della natura dell’apparecchiatura tecnologica di cui si ha bisogno. Scegliere la propria dotazione non è sempre facile e deduttivo, molte volte lo sconforto e lo scetticismo intorno alle nuove tecnologie sono dovute proprio all’acquisizione di software che alla fine si rivelano o poco efficaci con le reali necessità, o completamente sbagliati. Se non si possiede una discreta conoscenza degli strumenti presenti sul mercato è molto meglio rivolgersi ad un consulente che vi possa indirizzare sulle scelte giuste.

Determinare il tempo e capire se ne vale la pena. Questi, in sintesi, gli elementi da tener conto quando si vuole impostare un piano tecnologico, tenendo ben presente però quali possono essere i vantaggi di una dotazione aggiornata. Un valido metro di paragone potrebbe essere anche il semplice computer che avete nella vostra cooperativa sociale. Se è lento, stracarico di dati e impiegate trenta minuti solo per aggiornare o segnalare un’attività sulla vostra bacheca Facebook, allora forse è venuto davvero il momento di cambiarlo, e alla svelta. Il terzo settore è oggi il luogo con il più elevato aggiornamento tecnologico, e un’impresa sociale passa prima di tutto attraverso i social. La tecnologia ne è il mezzo indispensabile

, , , , , ,

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

Impresa Tre offre una newsletter gratuita su:

  • Strategia e comunicazione per le Imprese Sociali
  • Marketing e Visibilità per il terzo settore
  • Consulenza fiscale, organizzativa e legale