Main

una rete sociale per i rifugiati

Una rete sociale per i rifugiati

Una rete sociale di cooperative si occupa dei rifugiati e dei richiedenti asilo per i migranti. Un progetto integrato promosso da Confcooperative – Federsolidarietà Cuneo che pone la cooperazione sociale alla base dell’accoglienza.

Sono sette le cooperative sociali interessate in questo progetto integrato che sviluppa una nuova idea di sviluppo e integrazione per i rifugiati politici e migranti, tutte della provincia di Cuneo. Si tratta di una vera e propria rete sociale, da cui anche il nome stesso del progetto; Rifugiati in rete. A farne parte sono le cooperative Fiordaliso e Momo di Cuneo, Insieme a Voi di Busca, Armonia di Revello, le cooperative Alice e Orso di Alba, già facente parti del consorzio di cooperative sociali Cis, e Cascina Martello di Mondovì, tutte aderenti a Confcooperative – Federsolidarietà Cuneo.

Il progetto è cominciato ufficialmente a settembre ma in realtà la costituzione della rete sociale nel terzo settore in un soggetto unico è il lavoro di molti anni avviato dalle cooperative del territorio in collaborazione con la stessa Prefettura di Cuneo. Si tratta di una formula assolutamente inedita per questa tipologia ma che permetterà di fronteggiare un’emergenza che in questi ultimi mesi è divenuta ormai di difficile gestione per enti o associazioni singole. Ecco che allora il progetto di Confcooperative si pone come vero e proprio esempio di innovazione sociale, almeno sul territorio piemontese, nella costituzione di una rete di imprese che possono così offrire un sistema integrato di risposte, ciascuna con le proprie peculiarità, onde fornire un’idea di accoglienza non più basata sulla mera “presa in custodia” dei rifugiati, ma creando una vera e propria integrazione entro una rete che possa rappresentare la complessità, ma anche la ricchezza, dell’inclusione di soggetti diversificati per storia, luoghi di provenienza, cultura e lingua.

Rifugiati in rete del resto si incentra volontariamente su un unico comune denominatore assolutamente globale; il calcio. Il motivo di questa scelta è stato dettato sia dalla specifica di alcune associazioni no profit coinvolte nella rete sociale sia proprio perché spesso il sogno di molti rifugiati è proprio quello di tentare la strada del professionismo. Ma Rifugiati in rete ha anche altri bellissimi riferimenti, come quello delle reti dei pescatori che setacciano il mar Mediterraneo, via maestra di ogni migrante, e ovviamente, alla rete sociale sulla quale sono riposte molte speranze per la realizzazione di un progetto sociale che è in cantiere già da diversi anni. La guida della rete d’imprese sarà affidata, a turno e con cadenza biennale, a tutti i soggetti coinvolti, cominciando nel primo biennio dalla cooperativa sociale Fiordaliso di Nicola Mellano.

, , , , , , , ,

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

Impresa Tre offre una newsletter gratuita su:

  • Strategia e comunicazione per le Imprese Sociali
  • Marketing e Visibilità per il terzo settore
  • Consulenza fiscale, organizzativa e legale